Il blues

5,99

I Brani Scelti da Renzo Arbore per questa raccolta

CD originale Idea J1213 ©1991

Ascolta le anteprime dei primi due brani

See See Rider Blues (Rainey, Arrant)
 See See Rider Blues (Rainey, Arrant)
Gimme A Pigfoot (Wilson)
 Gimme A Pigfoot (Wilson)
  • altri 11 brani ascoltabili e scaricabili con l’acquisto

Durata totale della raccolta : 00.42.55

Product Description

Ascolta l’anteprima del commento di Mario Luzzi

Click per ascoltare

 

Nel suo libro Il Popolo del Blues, il poeta e saggista LeRoi Jones, una delle personalità culturali di maggior spicco tra i nero d’America, di cui interpreta la riscossa al più alto grado di consapevolezza, lucidità e furore, scrive: «Dire: “La schiavitù ha creato il blues” è affermazione semplicistica eppure questo tipo di schematizzazione ha determinato una valutazione intellettualistica del blues, che “non è”, né ha mai mostrato di essere, un fenomeno strettamente sociale. Il blues è innanzitutto un componimento poetico, e in secondo luogo un modo di fare musica… Il blues come componimento poetico è un fatto sociale come qualsiasi altro tipo di poesia, tranne la lirica “pura” (d’altronde presente anch’essa nel blues). L’amore, il sesso, la tragedia nelle relazioni interpersonali, la morte, i viaggi, la solitudine… sono tutti fenomeni sociali. E forse sono queste le cose che di fatto creano la poesia (o il blues) astraendola dall’argomento di cui parla. Il “blues” è nato nella schiavitù, e da questa “peculiare istituzione”, come è stata eufemisticamente definita, ha derivato la sua forma particolare. Ma se la schiavitù ha dettato certi aspetti della forma e del contenuto blues, la cosiddetta emancipazione, e i problemi che ad essa seguirono, hanno dettato la strada che il blues avrebbe preso».

Fine dell’anteprima – Per testo completo e riferimenti discografici, prenota l’acquisto di questa raccolta

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

Durata