Il musical classico (1a parte)

0,509,99

I Brani Scelti da Gillo Pontecorvo per questa raccolta

Ascolta le anteprime

Paris, Stay The Same, da «Il principe consorte» (Chevalier Maurice)
Paris, Stay The Same, da «Il principe consorte» (Chevalier Maurice)
Mimi, da «Amami stanotte» (Chevalier Maurice)
Mimi, da «Amami stanotte» (Chevalier Maurice)

da 3 a 14 ed altri brani ascoltabili e scaricabili a pagamento

Durata totale della raccolta : 00.51.49

Scegli la Formula :
Formula standard
Formula PLUS
Clear selection

Product Description

Ascolta l’anteprima del commento di Raffaele Milani

Click per ascoltare

 

Il film sonoro ebbe il suo battesimo nel musical. Infatti il cinema affrontò all’inizio un parlato; sostenuto da piacevoli musiche, facendo anche ricorso alle voci più famose dell’epoca. In questa rassegna troverete lo charme di Chevalier, l’intensità di Ethel Waters e Doris Day, la seduzione della Monroe e il fluido, accattivante fascino di Fred Astaire che conserva intatto, anche in esecuzioni successive, il suo smalto. Il panorama è vasto e rispecchia la rutilante varietà del musical stesso in tutte le sue sfumature.

È del 1929 Il principe consorte (The Love Parade), per la regia di Ernst Lubitsch, qui al suo primo impegno musicale. Il film non presenta quella scioltezza di movimento che Lubitsch raggiunse nei musical successivi ma, nonostante ciò, vi si ritrova un fantasioso uso della scenografia ed un commento musicale perfettamente integrato all’azione. Il film segna il debutto sullo schermo di Jeanette McDonald nonché l’esordio hollywoodiano di Maurice Chevalier ed è anche il primo dei film che vede in coppia i due cantanti-attori. Tra le tante piacevolissime canzoni interpretate dal celebre chansonnier parigino, presentiamo «Paris, Stay the Same» di Grey e Schertzinger. In essa il tono sentimentale di una melodia creata dai violini si stempera nella caratteristica vivacità, tipicamente francese, della voce di Chevalier. Amami stanotte (Love Me Tonight; 1932) di Rouben Mamoulian, sorretto da un ritmo impeccabile, è uno dei più incantevoli e coerenti risultati nella storia del musical. Mamoulian, che successivamente diresse altri quattro musical, solo in Amami stanotte riesce ad integrare perfettamente intreccio e canzoni, grazie anche alla trascinante verve di Chevalier in coppia, qui ancora, con la gradevole McDonald. L’ammiccante grazia di «Mimi» evoca, anche soltanto all’ascolto, la briosità tutta parigino-hollywoodiana del film.

Nel 1933, quando la macchina del parlato era già perfetta ed il musical aveva definito un proprio campo specifico, ci fu un grande successo, Carioca (Flying down to Rio), per la regia di Thorton Freeland, la musica di Vincent Youmans e i versi di E.Eliscu e Gus Kahn. Presentato come «una stravaganza musicale ambientata fra le nuvole, un romanzo che sale in cielo sulle ali della canzone», il film mostra per la prima volta sullo schermo la coppia Fred Astaire-Ginger Rogers. E con loro un modo vivace di ballare con movimenti sciolti, leggeri, come sorgessero spontanei, naturali. In particolare è Fred Astaire a risultare perfetto nello stile raffinato di complessi giochi ritmici. La loro apparizione, qui accanto a Dolores Del Rio e Gene Raymond, fu una rivelazione. Carioca è noto per il numero finale «Flying Down to Rio», dove le ballerine fanno evoluzioni sulle ali di una squadriglia aerea. Dal film di Freeland abbiamo scelto la canzone «The Carioca», una ritmata melodia, sorretta da un piacevole dinamismo.
È dell’anno successivo Cerco il mio amore (The Gay Divorcee), per la regia di Mark Sandrich, con Fred Astaire, Ginger Rogers, Alice Brady, Edward Everett Horton, Betty Grable. Un ballerino americano a Londra s’innamora di una compatriota, fidanzata con un conte francese. Secondo la migliore tradizione di una commedia degli equivoci, Astaire e la Rogers, fra belle canzoni e seduttivi duetti d’amore, procedono felicemente verso un lieto fine lungamente differito da continui, quanto esilaranti, ostacoli. Il repertorio presenta famose canzoni come «The Continental» e la splendida «Night and Day», che presentiamo nella versione di un Astaire arricchito di tonalità jazzistiche e di una voce calda e matura.
Nel 1935 esce il famosissimo, sofisticato ed elegante Cappello a cilindro (Top Hat), diretto da Mark Sandrich. Alla memoria esso risulta sempre indissolubilmente legato alla canzone «Cheek to Cheek» di Irving Berlin, cantata con incisivo garbo e dolcezza da Fred Astaire. Anche questo film, come peraltro la commedia «The Girl Who Dared» da cui è tratto,gioca sugli equivoci ed è ritenuto tra i migliori della coppia Astaire-Rogers. Dalla scena di «Cheek to Cheek» possiamo ricordare il punto in cui Fred sussurra amorosamente a Ginger «Heaven, l’m in Heaven» ed il finale quando, dopo lo schiaffo ricevuto da Ginger per una sua proposta di matrimonio, lo sentiamo esclamare: «Mi ama».

At the 1940 dates Dance with me (Broadway Melody of 1940), a sparkling film, stylistically effective, made with taste and with great means. The interpretation of Eleanor Powell and Fred Astaire is captivating. Directed by Norman Taurog manages to blend, with balance and skill, the various choreographic numbers, the plot and the refined Cole Porter songs. Dance with me is a portrait, as often happens in the musical of the same entertainment world: work, friendship, love, difficulty, success. Tied to a memorable dance sequence is “Begin the Beguine”: the stars dance on a reflective floor that multiplies the charm of their magnificent duo. Tasteful less dramatic, however, is the beautiful love song “l’ve Got My Eyes on You”, an intriguing melody and persuasive. The execution, once again, is Fred Astaire,
Three years later comes Cabin in the Sky (Cabin in the Sky) who sees the debut as a director, Vincente Minnelli, former supervisor of musical sequences for many films. Cabin in the Sky is an exclusively musical starring black actors (as it had been the famous Alleluiah King Vidor) and is a fable from the tender and ironic morality and subtle allegories. The fineness of the style of the director also says the taste for the choreography. The film is dominated frank and direct interpretation of Ethel Waters singing, persuasive and firm, “Taking a Chance on Love” Latouche-Duke-Fetter. Vernon Duke, American composer of Russian origin, reaches its celebrity with Cabin in the Sky, staged on Broadway in 1940; the choreography of Balanchine were.

Easter Parade (Easter Parade, 1948) by Charles Walters, a curious story of love and stage, is probably the best films of Fred Astaire by winter Humor times (Swing Time; 1936) (see the section on “The spectacular musical, first part “). And this is Also Because It offers Astaire to The Possibility of exploiting all its versatility. One of the most delicate and elegant scenes Is The One That sees him dancing with Ann Miller as he sings “It Only Happens When I Dance With You”: music and dance are woven floor lacing up in the air and melting. But We Should not forget the excellent “Steppin ‘Out with My Baby” and the brilliant “Shakin’ the Blues Away.”

In 1953 David Butler presents Do not shoot me, kiss me (Calamity Jane), in an attempt to repeat, for Warner, Doris Day, the successful Anna Get Your Gun, Betty Hutton, produced by MGM. The harmonious soundtrack is by Sammy Fain and Paul Francis Webster, real celebrities in this field. A prominent song, sung by Doris Day, is definitely “Secret Love.” There we see the best American actress interpretative quality.
Who forgot Lili (1953) by Charles Walters? It is played by Leslie Caron that, with grace and lightness, manages to make a good story that otherwise could be cloying. Beside her are a sensitive Mel Ferrer. It is a musical judged by many enchanting. Music, magic and communicative, is Bronislau Kaper and its height is Represented by the famous song “Hi-Lili, Hi-Lo.” Among the dance scenes in the film include the representation of a dream, for the choreography of the same director, Dorothy Jarnac. In 1961, on Broadway, he was put on a musical based on the film.

How Not to mention Variety show (The Band Wagon, 1953), directed by Vincente Minnelli and Michael Kidd choreography? It is one of the most successful of Fred Astaire musical, which shows itself in a good shape. The music system, cool, relaxed and inviting in its entirety, is Howard Dietz and Arthur Schwartz. Among the many reasons, funny and brilliant, include ‘My Myself, “” That’s Entertainment “(with Astaire, Jack Buchanan, Oscar Levant, Nanette Fabray),” Triplets “(with a hilarious trio of Astaire-Buchanan-Fabray clothes baby), “I Guess I’ll Have to Change My Plans” (with Astaire-Buchanan pair). But the most romantic and fascinating scene is one that takes place at the sweet sound, persuasive and melancholy of “Dancing in the Dark”, where Astaire and Cyd Charisse dancing light and majestic.
Business Like Show Business (There’s No Business Like Show Business, 1954), directed by Walter Lang, is a film-magazine theatrical environment. Among the protagonists, two varieties artists that make up a quintet with three other actors, we find Donald O’Connor, Dan Dailey, Ethel Merman, Mitzi Gaynor. It stands out, albeit in a secondary role, the seductive and bubbly Marilyn Monroe. The film does not belong to the best in the musical, but the pleasing song “Heat Weave” beyond a colorful orchestration too, has the undeniable merit of us hear the warm sensual whisper of Monroe, infused with a disarming and immediate communicative.

Let’s Make Love (Let’s Make Love, 1960) is a work by George Cukor, a very funny musical and full of delicate touches. Yves Montand pretends to be an actor looking for work (it’s actually very rich) because in love with the star of a magazine of off Broadway. The direction always appears sensitive and nuanced. Fun and out of the municipality are still “My Heart Belongs to Daddy” (by Cole Porter), with a smashing Monroe, and “incurably Romantic» Cahn-Van Heusen, for Montand-Monroe torque. It’s not the music processing layer to interest, but the way the song blends into the jovial atmosphere of irony and romance that blows from the scene and the performers.
Tutti insieme appassionatamente (The Sound of Music; 1965) di Robert Wise va ricordato invece come esempio di intrattenimento popolare vecchia maniera, basato sul senso della famiglia, della libertà e dei buoni sentimenti. Il film comunque è una prova di grande professionalità ed è anche tecnicamente molto accurato e rifinito da mani esperte. L’enorme successo che ebbe fu merito soprattutto dell’interpretazione centrale di Julie Andrews e dalle suggestive riprese aeree di Salisburgo. È curioso, ma vero, il fatto di portare le canzoni all’esterno, spaziando in vasti paesaggi, contribuisce a far crescere musica e sentimenti allo stesso tempo, facendoli compenetrare e sostenere vicendevolmente. La suite da noi scelta ci trasmette interamente il significato ed il valore che Robert Wise, interpretando lo spirito dello spettacolo di Rodgers-Hammerstein II, ha voluto dare al proprio film.
Le trascinanti melodie di Tutti insieme appassionatamente ci hanno condotto alla fine di questo primo incontro col musical classico. L’eco di voci famose e la piacevolezza delle musiche hanno evocato, ancora una volta, grazie alla magia dei suoni, un’intensa memoria cinematografica.
Fine del commento – Playlist disponibile con l’acquisto

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

Durata

Scegli la Formula

Formula standard, Formula PLUS