Clarinetti

5,99

I Brani Scelti da Renzo Arbore per questa raccolta

CD originale Idea J2006 © 1991

Ascolta le anteprime dei primi due brani

Blue Clarinet Stomp (Dodds)
 Blue Clarinet Stomp (Dodds)
I’m Going Home (McCoy)
 I’m Going Home (McCoy)
  • Altri 11 brani ascoltabili e scaricabili con l’acquisto

 

 

Durata totale della raccolta : 00.43.38

 

Product Description

Ascolta l’anteprima del commento di Mario Luzzi

Click per ascoltare

 

Nel suo volume «Il Libro del Jazz», il critico tedesco Joachim Ernst Berendt scrive: «Il clarinetto è simbolo della cortesia in tutti gli stadi dell’evoluzione del jazz. Il fatto che nel contrappunto della vecchia New Orleans il clarinetto attenuasse e colmasse il contrasto fra la tromba e il trombone è una caratteristica che gli è rimasta fino ad oggi. Non è un caso se il clarinetto ebbe il suo periodo di massimo splendore durante l’Era dello Swing degli anni Trenta quando il jazz e la musica popolare si identificavano in larga misura». E non è un caso, aggiungiamo noi, se il clarinetto ha raramente offerto momenti di grande splendore nelle fasi successive, quelle più moderne ed avanzate che, per scelta e atteggiamento artistico tendono a distaccare il jazz dalla musica popolare per assumere connotati artistici e di ricerca. Ma anche qui, come in tutte le cose, vi sono delle eccezioni. Ed è singolare notare come queste eccezioni siano tutte di pelle bianca. Un aspetto che non va sottovalutato, così come va osservata quella realtà che vide nascere, in pieno dominio del clarinettista nero, uno straordinario stilista di pelle bianca come Benny Goodman che sbaragliò con le sue prepotenti capacità improvvisative un intero regno.

Fine dell’anteprima. Per testo completo e riferimenti discografici, prenota l’acquisto
di questa raccolta

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

Durata