Cavatine e cabalette

5,99

I Brani Scelti dal Maestro Pavarotti per questa raccolta

CD originale Idea L1703 ©1991

Ascolta le anteprime dei primi due brani

Le belle immagini ( Baker Janet)
 Le belle immagini ( Baker Janet)
L’ho perduta, me meschina! (Patrizia Pace)
 L’ho perduta, me meschina! (Patrizia Pace)
  • altri 10 brani ascoltabili e scaricabili con l’acquisto

Durata totale della raccolta : 00.57.02

Product Description

Ascolta l’anteprima del commento di Rodolfo Celletti

Click per ascoltare

 

Le cavatine e le cabalette rappresentano capitoli fondamentali della storia del teatro musicale, ma di origini e di etimologia incerte. Secondo alcuni storici, «cavatina» deriva da «cavata», termine che designa la qualità del suono che un violista o un violoncellista «cava» dal proprio strumento.
Per analogia la «cavatina» sarebbe un’aria breve e di stile semplice composta per far risaltare le qualità timbriche d’un cantante. Secondo un’altra tesi, però, le origini e le finalità della cavatina sarebbero diverse. Quando, musicando un libretto, un compositore dava un tono arioso, melodico, ad alcuni dei versi destinati dal librettista ad avere carattere discorsivo, «recitativo», non faceva altro che estrapolarli, estrarli, «cavarli» dal loro contesto per mutarne la finalità. Da cui «cavata» e, più frequentemente, «cavatina», trattandosi di arie o ariosi molto brevi. In questo senso, la prima cavatina della storia dell’opera è stata individuata da uno studioso italiano, Nino Pirrotta, in una pagina della Catena d’Adone di Domenico Mazzocchi, rappresentata a Roma nel 1633. Si tratta del monologo di Arsete, «La Ragion perde quando il Senso abonda».

Fine dell’anteprima. Per testo completo e riferimenti discografici, prenota l’acquisto
di questa raccolta.

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

Durata